• Feed RSS

Pages

1
Questo post è stato tratto dal 16° capitolo del libro - Le logiche della televisione (a cura di: G.Bettini; P.Braga; A.Fumagalli) edito da Franco Angeli.

Scarica tutti i post della categoria "sociologia della TV in un unico file pdf


Introduzione:
Addentrarsi nel fitto tessuto degli intrecci tra televisione e nuove tecnologie digitali è un impresa che richiede un atteggiamento attento a cogliere i tratti definitori del fenomeno senza perdere di vista la sua complessità. Le forme assunte da questo incontro sono molteplici e comprendono sia la trasmissione di prodotti televisivi attraverso il web (webcasting), sia l'integrazione dell'offerta televisiva con contenuti distribuiti on-line (webTV).
Oggi la maggior parte delle televisioni dispone di siti web e ofre servizi di televisione digitale e la gran parte trasmetterà digitalmente, solo entro il 2010, ampliando in modo significativo, il numero di canali, abbassando il costo di trasmissione e incrementando la possibilità di fusione tra televisione e rete. Nello stesso tempo anche internet si è evoluto a diversi livelli, qualificandosi progressivamente come medium domestico fruito da casa alla pari di alcuni media predecessori, come radio e televisione, e in molti casi sostitutivo proprio a questi ultimi.
Già agli inizi degli anni 90, quando i media digitali e interattivi muovevano i primi passi, George Gilder ipotizzava l'evoluzione del mezzo televisivo verso quello che lui chiamò Teleputer: si immaginò dunque questo medium, in grado di radunare e spedire film, documenti, notizie e clip, in tutto il mondo e in cui l'utente avrebbe sempre potuto "ordinare quello che voleva, esattamente quando lo voleva".
In sostanza possiamo dire che esistono due modi di interpretare l'evoluzione e la convergenza fra i due media: da un lato, si privilegia una convergenza lineare verso un nuovo medium che ricomprenda in sè quelli che lo hanno preceduto. Nel secondo caso la prospettiva è quella di una coevoluzione dei media che ne ridefinisce assetti e caratteristiche attraverso una fitta rete di relazioni. La web tv può essere letta, dunque, come un nuovo medium o come una delle possibili intersezioni tra media differenti.
A questo punto emergono tre diversi filoni di riflessione:
  • Uno prettamente economico che si interroga su quali trasformazioni nel business e nell'assetto produttivo vengono introdotte nella webTV
  • Uno legato ai linguaggi e a quali elementi di novità introducono queste emittenti.
  • Uno, comunicativo-antropologico che tenga conto di come si relazionano gli utenti.


Scarica tutti i post della categoria "sociologia della TV in un unico file pdf



Le varie forme di intersezione tra internet e televisione affondano le loro radici in alcuni processi di evoluzione avviati a partire dagli anni settanta, che toccano l'assetto produttivo e le dinamiche di fruizione e consumo.
Ripercorrendo in modo sintetico, queste radici possiamo osservare che, negli anni settanta:
  • Dal punto di vista dell'assetto produttivo, si sviluppano le prime conglomerate: imprese multimediali da cui parte la convergenza produttiva e distributiva tra i media e apparato di telecomunicazione fino ad arrivare a una situazione in cui le reti di telecomunicazione sono diventate l'infrastruttura essenziale del nuovo sistema dei media.
  • Dal punto di vista socioculturale si definisce lo statuto del computer come mezzo di comunicazione (medium) e un bisogno di personalizzazione del consumo dei media. Nasce inoltre un esigenza di indipendenza dagli elementi di condivisione e sincronizzazione delle pratiche di fruizione, prima fra tutte l'organizzazione palinsestuale del flusso. televisivo.
Arrivati a questo punto cerchiamo di fare chiarezza cercando di catalogare nella maniera più chiara possibile, le svariate forme di intersezione tra internet e tv o tra tv e computer:

Alcuni fenomeni di intersezione tra televisione e web li troviamo nella categoria webcasting, con questo termine, dal punto di vista informatico, si intende la trasmissione di segnale audio o video sul web. Consiste nell’invio in tempo reale o ritardato di trasmissioni audio e video mediante tecnologie web. Il suono o il video sono catturati con sistemi audio-video convenzionali, quindi digitalizzati e inviati in streaming su un web server. Un client webcast consente agli utenti di connettersi ad un server che sta distribuendo (webacasting) e di ascoltare o visualizzare il contenuto audiovisuale.
Ne sono un esempio quei siti che offrono repertori di video accessibili online detti web video on demand , e le web cam.
Attraverso i web video on demand si accede a un menù di prodotti audiovisivi visionabili senza vincoli di tempo. In questi casi l'utente non interagisce con un palinsesto, come accade per il mezzo televisivo ma con una libreria di contenuti e può scegliere l'oggetto oltre ai tempi della fruizione.
Le web cam, invece, sono telecamere collocate in un punto fisso (un luogo di interesse geografico o naturalistico) o situate nel luogo di un evento (ad esempio un concerto o uno spettacolo) che trasmettono le proprie immagini in diretta e a ciclo continuo attraverso internet.
collegandosi a questi siti si ha l'opportunità di vedere un luogo o seguire un evento in diretta. Spesso è possibile anche prendere il controllo della telecamera e agire sul punto di ripresa simulando una sorta di regia da parte dell'utente.
In sostanza possiamo dire che la rete si presta a ricomprendere dimensioni televisive (la trasmissione in diretta o l'offerta di programmi registrati) abbinandole a caratteristiche proprie di internet (costruire spazi di dialogo; offrire approfondimenti anche nel formato del testo verbale e trasmettere in modalità interattiva e mirata).
Un'altra forma interessante di web tv potrebbe essere quella di separare il concetto di interattività dalla tecnologia che attualmente lo ospita, cioè il computer. Questo approccio, può realizzarsi attraverso l'offerta dei sistemi che consentono di navigare online attraverso il televisore. In questo modo l'utente non percepisce più il web come legato esclusivamente al computer, e i programmi televisivi possono venire integrati con contenuti offerti dal web.
Quando viene connesso a internet il televisore diventa una sorta di terminale domestico destinato a ospitare diverse forme di informazione e intrattenimento di volta in volta declinate nel formato broadcast o interattivo.
Si può parlare allora di enchanced broadcasting o di interactive broadcasting. il primo offre la possibilità di arricchire i servizi televisivi con contenuti multimediali, dati e giochi eventualmente sincronizzabili con il programma in onda. La piattaforma più adatta è la TV digitale integrata con disco rigido e videoregistrazione digitale. L'Interactive broadcasting, consente invece, all'utente di interagire attraverso un canale di ritorno e di usufruire di servizi più avanzati come pubblicità interattiva, pay TV, home banking, t-commerce e video on demand.
A questo punto è opportuno fare una riflessione posta su tre livelli:
  1. Nuove trasformazioni a livello produttivo introdotte dalla web TV.
  2. Lo sviluppo di nuovi linguaggi.
  3. La personalizzazione del consumo.

Nuovi soggetti e modelli nell'universo produttivo:

Lo sviluppo della televisione digitale e le sue intersezioni con la rete delineano, infatti, un nuovo panorama caratterizzato da:
  • Aumento del numero dei canali e delle emittenti
  • Disponibilità di una molteplicità di contenuti fruibili con modalità differenti di erogazione e consumo
  • Emergere di nuove figure di mediazione.
Si tratta, innanzitutto, dei content provider che detengono i diritti sui prodotti culturali che vengono messi in circolazione dai media (dalla ripresa in diretta degli eventi sportivi, alle produzioni audiovisive d'archivio). In secondo luogo i service provider, che confezionano e commercializzano l'offerta finale al pubblico (dai boquet di canali digitali alle library di video offerti online).
La nuova centralità dei canali di trasmissione fa sì che acquisiscano sempre maggiore importanza anche i loro proprietari o gestori (network provider come fastweb). Nella comunicazione in rete delle web TV e nell'offerta del digitale terrestre l'operatore che gestisce le reti sta diventando, infatti, sempre più attivo nell'organizzazione dell'offerta e nella sua commercializzazione, configurandosi come un nuovo anello di congiunzione fra offerta e domanda. L'Attività delle emittenti si trova così collocata tra due strozzature operate a monte da i content provider e a valle dai service e network provider.
Questo nuovo assetto, da un lato fa emergere come la semplice moltiplicazione delle emittenti non si traduca necessariamente in un processo di disintermediazione e di maggiore libertà e autonomia da parte del fruitore. Piuttosto si ha uno spostamento di responsabilità della funzione sociale di selezione e organizzazione delle offerte di contenuto.
Le intersezioni tra televisione e internet generano due nuovi modelli. Il primo è il business per user, tipico delle reti digitali terrestri che vendono al singolo utente la possibilità di accesso a un pacchetto di canali. Il ritorno economico per l'emittente deriva, in questo caso, dai ricavi della vendita dei pacchetti di canali al singolo acquirente. Il secondo è il modello tipico di alcune offerte televisive in rete dove è la stessa attività di fruizione dell'utente che deve produrre reddito.
Due esempi significativi di questo secondo modello sono le offerte di consumo lean forward dove la transazione commerciale è ciò su cui si basa la possibilità di consumare il prodotto come nei sistemi di VOD (video on demand) e oferte di consumo lean back che aggiungono impulsive enhancement nel flusso del programma e sollecitano lo spettatore a fare transazioni che generano reddito. Si tratta dei casi di e-advertising, ma anche della trasmissione di eventi che possono muovere l'impulse retail, cioè l'acquisto di impulso.
Queste ultime osservazioni fanno emergere due caratteristiche:
  • L'assimilazione delle attività di consumo di prodotti culturali con le attività di acquisto e consumo di beni materiali.
  • Il privilegio accordato ai prodotti culturali in grado di generare processi di acquisto.


Scarica tutti i post della categoria "sociologia della TV in un unico file pdf




Le forme dell'offerta:

Tra le forme dell'offerta, il primo elemento da osservare è il modo in cui i canali digitali. webcasting e webTV costruiscono palinsesti. Venendo meno al vincolo temporale della fruizione, il palinsesto non si basa più sull'organizzazione dei ritmi e delle durate della messa in onda, quanto sulla coerenza tematica dell'offerta e l'individuazione del target.
I nuclei attorno a cui si organizza la nuova offerta possono essere, allora, la costanza di temi e generi; l'individuazione di uno specifico segmento di audience; la scelta di una nicchia di pubblico costituita dall'intersezione tra un segmento di audience e uno dei suoi generi preferiti.
In questo modo l'offerta digitale, il webcasting e le webTV tendono a creare attorno a sè comunità virtuali su cui modellare le proprie programmazioni e veicolare i valori attorno ai quali riconoscersi. Si tratta di offerte che hanno una grande capacità di generare universi condivisi.



Scarica tutti i post della categoria "sociologia della TV in un unico file pdf


Le forme del consumo

Affrontando il tema della nuova organizzazione palinsestuale e delle intersezioni tra forme espressive televisive e new media abbiamo concentrato l'attenzione sui mediae, solo a tratti, sulle modalità di relazione con il loro pubblico. Tuttavia, come si è sottolineato nella prima parte del saggio, uno dei principali elementi innovativi dell'intersezione tra televisione e internet è proprio legato all'interattività.
Come sottolineano i contributi più recenti su questo tema il termine interattività è molto utilizzato come criterio di definizione delle possibilità aperte dalle nuove tecnologie rispetto al broadcasting, ma ne sono poco definite le caratteristiche e il significato. In termini genarali si fa riferimento a una comunicazione interattiva quando- a partire da specifiche configurazioni tecnologiche - l'utente di un medium ha la possibilità di interagire per riorganizzare il palinsesto; attivare una fruizione dialogica con un testo; inviare messaggi che si rendono visibili attraverso i media che sta utilizzando.
Il modello tipico della comunicazione televisiva, sinora, è stato quello della trasmissione (in cui pochi soggetti controllano produzione e distribuzione dell'informazione), mentre gli altri modelli restavano tipici delle interazioni faccia a faccia o della navigazione online. La possibilità di interagire con il mezzo televisivo, invece, consentirebbe una moltiplicazione dei modelli di traffico anche nell'ambito della comunicazione televisiva spostandola verso la comunicazione interpersonale e online. L'interattività può essere allora definita come "la misura della capacità potenziale di un medium di consentire all'utente di esercitare un influenza sul contenuto e/o sulla forma della comunicazione mediata e le diverse forme di televisione interattiva possono essere classificate all'intersezione tra i diversi modelli: l'interattivirà di consultazione che consente all'utente di scegliere a partire da una pre-selezione di prodotti mediali. L'Interattività di conversazione che consente all'utente di produrre un proprio input che viene immagazzinata immediatamente dall'emittente infine c'è l'interattività di registrazione basta sulla capacità di adattare l'offerta alle esigenze immesse dall'utente (come nel caso delle possibilità di t-commerce).



Scarica tutti i post della categoria "sociologia della TV in un unico file pdf











Conclusioni e riflessioni sull'interattività:

Osservata da i vari punti di vista, l'interattività del mezzo televisivo comprende:
Le relazioni testo lettore (processi ermeneutici)
Le relazioni tra attori sociali e media nel loro complesso (i già visti modelli di traffico informativo e le trasformazioni delle condizioni di esperienza)
Le aggregazioni simboliche del pubblico attorno a un prodotto mediale (i dialoghi e le comunità che si raccolgono attorno a un genere o a uno specifico testo).

L'interattività, riguarda il modo in cui utente, medium, messaggio e ambiente interagiscono e ,in questo senso, agiamo in un modello comunicativo che è ancora prettamente televisivo. Si ha, infatti, una moltiplicazione dell'offerta e, quindi, delle possibilità di scelta, ma resta sostanzialmente stabile la relazione tra emittenti e recettori. Se si osservano, infatti, il numero di azioni comunicative compiute dai diversi soggetti - la distribuzione dei turni di parola e i ritmi dell'interazione - emerge che l'emittente occupa la maggior parte del tempo di interazione e l'utente è impegnato soprattutto in attività di percezione, del programma piuttosto che nell'offerta di un proprio contributo a quest'ultimo.




Scarica tutti i post della categoria "sociologia della TV in un unico file pdf